Zaza in Nazionale e già entra nel cuore dei tifosi

Il 9 settembre rimarrà un giorno storico per due personaggi del calcio giocato. Il primo, determinato, convinto dei propri mezzi e l’ultimo gladiatore, colui che ha avuto il coraggio di dare un taglio netto al passato, tanto vicino che è quasi presente. Il secondo, in punta di piedi, zero presenze in Nazionale fino ad oggi, direttamente da Metaponto sua città adottiva (non Policoro dov’è nato) e con la sua presunta paura di volare. Presunta sì, considerando che a soli 6 anni fa parte della Stella Azzurra Bernarda e che sotto la visione dell’Atalanta vola in Toscana al Valdera. La consacrazione avverrà poi all’Ascoli nel 2012/2013 dove segna 18 reti in Serie B in 35 partite.

Antonio Conte quindi ricorderà a lungo questo suo primo impegno ufficiale come Commissario Tecnico della Nazionale, il quale lo ha trasformato in una vittoria convincente per 2-0 contro la Norvegia ad Oslo. “Servono persone che hanno fame, non fama…” disse giusto prima dell’amichevole disputata contro l’Olanda qualche giorno fa, vinta per 2-0 anch’essa.

Simone Zaza probabilmente marchierà col fuoco questa giornata, esordio, gol e vittoria alla prima partita delle Qualificazioni agli Europei 2016. Eppure ha detto ai genitori “Beh? E’ una partita come le altre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *